Adesione del SISM alla Coalition HIV

IL SEGRETARIATO ITALIANO STUDENTI IN MEDICINA – APS

 

aderisce ufficialmente al gruppo “Coalition HIV – L’Italia ferma l’AIDS”.

 

Il SISM è un’Associazione di Promozione Sociale apartitica, aconfessionale, non lucrativa e che non ammette discriminazioni di genere, razza, lingua, nazionalità, religione, ideologia politica, orientamento sessuale, identità di genere ed espressione di genere. 

 

Il gruppo “Coalition HIV – l’Italia ferma l’AIDS” è un gruppo di lavoro formato da clinici, associazioni di pazienti e aziende del farmaco, nato tre anni fa con l’obiettivo di riportare nell’agenda politica la tematica HIV e AIDS. [1] 

 

HIV e AIDS rappresentano ancora oggi una sfida globale per la salute pubblica: nel mondo le persone che oggi vivono con HIV sono quasi 40 milioni, con 1,5 milioni di nuove infezioni all’anno. I dati italiani del 2020 riportano la presenza di 140.000 persone che vivono con HIV, con 2500 nuove infezioni. [2]

Nonostante lo scenario globale sia in miglioramento, la diffusione del virus e lo stigma subito dalle persone che vivono con HIV richiedono un continuo impegno nella prevenzione primaria e nella ricerca scientifica.  

 

Il SISM, in quanto associazione che promuove la salute della collettività, si impegna a sensibilizzare la popolazione nei confronti di HIV e AIDS, a diffondere l’importanza della prevenzione e della consapevolezza del proprio stato di salute e a combattere ogni forma di stigma e discriminazione. 

Il SISM aderisce alla Coalition HIV perché ritiene che sia fondamentale riportare l’attenzione della politica, delle istituzioni e dell’opinione pubblica sui temi di HIV e AIDS, al fine di contrastare la diffusione del virus e l’abbattimento dello stigma ad esso correlato, sia in Italia, sia a livello globale. 

 

Vogliamo sottolineare come la nostra adesione sia esclusivamente legata all’importanza della tematica, escludendo ogni tipo di legame con aziende e sponsor. Il SISM, infatti, ha sviluppato negli anni una forte posizione sul tema del conflitto di interessi nella pratica medica e sui rapporti con le case farmaceutiche, portando l’Associazione a rifiutare qualunque forma di finanziamento diretto o indiretto dalle aziende produttrici di farmaci e medical devices. Questa posizione è riassunta nel Policy Document “Conflitto d’Interessi nella Pratica medica”, disponibile sul sito dell’Associazione. [3] 

Non è la prima volta che la nostra Associazione si trova a dover dialogare con esponenti dell’industria farmaceutica, figure che inevitabilmente incontreremo durante il nostro futuro percorso professionale. Crediamo che la presenza del SISM all’interno di tale gruppo sia importante per avere un ruolo attivo nelle decisioni che riguardano la tematica. Sapendo quanto sia imprescindibile la presenza delle Aziende Farmaceutiche in quanto responsabili della ricerca e produzione dei farmaci in questione, riteniamo che la loro presenza nella Coalition HIV non debba frenare la nostra partecipazione, ma essere invece un’occasione per informarci e sensibilizzare sul tema del Conflitto d’Interessi nella pratica medica: l’obiettivo della nostra formazione, infatti, non è isolarci da queste figure professionali, ma sapere gestire criticamente le informazioni che verranno fornite e conoscere le dinamiche che si verificheranno.

 

Fonti

 

[1] Coalition HIV, Fondazione The Bridge 

(www.fondazionethebridge.it/work/coalition-hiv

 

[2] UNAIDS (www.aidsinfo.unaids.org

 

[3] Policy Document SISM “Conflitto d’Interessi nella Pratica medica”, Segretariato Italiano Studenti in Medicina APS (www.nazionale.sism.org/documenti-associativi/)

Lascia un commento